Archiviato il tranquillo successo interno col Levico, la formazione gialloceleste affronta l’ostica sfida sul campo dei chioggiotti. Massima allerta per non sottovalutare un impegno molto più ostico di quello che la classifica potrebbe suggerire. Out Munaretto per squalifica, ma rientrano Spaltro, Bigolin, Ferri e capitan Fracaro

 

ARZIGNANO (VI) – Guai a sottovalutare questa Clodiense! Questo l’imperativo categorico in casa Arzignano Valchiampo. Lo dice mister Daniele Di Donato fin dal post Levico, e tutta la squadra è consapevole di essere giunti ad un momento cruciale della stagione in cui gli errori devono essere ridotti al minimo e soprattutto non ci si possono più davvero permettere troppi passi falsi. I giallocelesti stanno bene, sono reduci da un filotto di cinque risultati utili di fila, ed hanno saputo caparbiamente ridurre il gap dall’Adriese capolista, ora distante soli tre punti dopo il più che inaspettato scivolone dei polesani a Sankt Georgen. Proprio per questo la concentrazione della squadra deve essere massimale: domenica si giocherà a Chioggia, campo tradizionalmente difficile, contro un avversario che sicuramente cercherà davanti al proprio pubblico di puntare ad una vittoria di prestigio in chiave salvezza. In trasferta, finora, per i giallocelesti un bilancio decisamente in attivo con cinque vittorie, tre pareggi ed una sola sconfitta, all’esordio stagionale a Feltre. Anche la Clodiense, allenata da qualche settimana da una vecchia conoscenza del calcio vicentino come Mario Vittadello, sta attraversando un momento positivo: domenica ha nettamente vinto in casa il derby tutto veneziano col Sandonà per 2-1, e due settimane prima aveva costretto al pareggio casalingo nientemeno che la capolista Adriese. Specialmente davanti al proprio pubblico la Clodiense sa spesso esaltarsi. All’andata, al Dal Molin, fu partita più tirata di quanto abbia poi detto il risultato finale di 4-2 (per i giallocelesti in gol le bocche da fuoco Odogwu, Forte, Maldonado e Valenti). Per questo massima attenzione, concentrazione e voglia di confermarsi in un momento di forma ottimale!

 

INTERVISTA MISTER DANIELE DI DONATO

 

Daniele Di Donato, nell’ultima partita avete giocato al Dal Molin con il Levico Terme, vincendo per 2-0 al termine di una bella prova corale. Che valutazioni ti senti di fare del risultato e della prestazione della squadra?

“Partiamo dal dire che la prestazione è stata davvero importante. Stiamo bene e siamo reduci da ottime gare. Stavolta poi è arrivata pure la vittoria, alquanto meritata per la mole di gioco prodotta e per le occasioni create”

Cinque risultati utili consecutivi e vetta distante ora solo tre punti… Come valuti il momento della squadra?

“Ottimo. Non dobbiamo guardare gli altri, ma pensare solo a noi stessi. Il morale è alto, anche perché un occhio a chi ti sta davanti lo dai sempre, inutile nasconderlo, e sapere di aver guadagnato tre punti sulla capolista, in maniera anche inaspettata, sicuramente aiuta in questo senso. Dobbiamo pensare a tenere alta la tensione, perché sappiamo che basta poco anche per tornare indietro: ora dobbiamo battere il ferro finché è caldo, anche perché stiamo benissimo sia fisicamente che mentalmente!”.

Nella prossima partita giocherete in trasferta a Chioggia contro la Clodiense, partita tutt’altro che scontata visto che i chioggiotti sono reduci da una vittoria casalinga dallo score importante, ed in precedenza hanno fermato sul pari proprio la capolista. Che partita dobbiamo aspettarci? Che caratteristiche dell’avversario dovrete tenere sotto maggiore attenzione?

“Ogni partita è una storia a sé, e il bello del calcio è che non esistono davvero mai partite ‘facili’. Dobbiamo cercare di lavorare bene in settimana, di lavorare per limare i troppi errori commessi in passato ed andare a Chioggia pensando di affrontare la prima della classe, come ad Adria. Dobbiamo cercare di imporre il nostro gioco e cercare di proseguire nella striscia positiva. Sarebbe importantissimo vincere, e faremo davvero di tutto per portare a casa i tre punti”.

Come si prepara a livello mentale una partita come questa, contro una squadra più indietro in classifica ma in grande salute?

“Una squadra che lotta per la salvezza lo fa sempre col coltello fra i denti e non dà niente per scontato! Noi dovremo avere lo stesso atteggiamento, perché ci giochiamo una bella fetta di campionato. Ora gli errori devono davvero essere ridotti al minimo. Non possiamo permetterci di andare a Chioggia pensando di essere belli e bravi, ma cercando di essere umili, cattivi e determinati. Quando l’Arzignano pensa di essere ‘bello’, cade”.

Rispetto alla sfida col Levico recupererai Spaltro, Fracaro, Ferri e Bigolin, mentre non avrai a disposizione Munaretto per squalifica. Ci saranno altre defezioni o dubbi?

“Dopo l’espulsione col Levico Munaretto sarà ovviamente out per squalifica, ma in compenso avrò diversi rientri, quindi non avremo i problemi di formazione della scorsa settimana. Anzi, avrò problemi di abbondanza! Ho la fortuna di allenare ragazzi fantastici, e so che chi verrà chiamato in causa risponderà alla grande anche a Chioggia”.

 

Nicola Ciatti

Ufficio Comunicazione ASD Arzignano Valchiampo

Tel. 393/0291646 – ufficiostampa.arzignanochiampo@gmail.com